Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Il sereno Bernard

Quando si dice le leggende. Fa specie che ancor oggi, alle soglie dei 90 anni (è nato ad Amsterdam nel 1929, quasi otto mesi prima del giovedì nero di Wall Street), il sereno Bernard Haitink trovi ancora l'energia -ma come farà, con quattro mogli?- per scolpire quella che potrebbe diventare una nuova, interessante integrale di Anton Bruckner. Dopo la bella Quinta, ecco la più enigmatica ma fascinosissima Sesta, sempre alla guida della Radio Bavarese, ormai sua orchestra d'elezione. Nel frattempo, c'è stato spazio anche per una Mahler 3, che non è certo una passeggiata fra i boschi intorno a Monaco. Tre opere relativamente vicine nel tempo, una per decennio degli ultimi tre del XIX secolo: del 1876 Bruckner 5, contemporanea ma per nulla assimilabile all' "Après-midi d'un faune" del simbolista Mallarmé, poemetto in parole reso in musica da Debussy. Del 1881 è B6, mentre a Milano uscivano presso Treves "I Malavoglia" di Giovanni Verga. Due sinfoni…

Ultimi post

Resurrezione al Regio

La sinfonia del buon Dio

Valery ci riprova

Nel giardino delle impressioni

Tutti Muti, torna Bruckner

Echi e voci dalle radure del passato

Meglio morire e risorgere o non perire mai?

E alla fine c'è la coda

Un Respighi angloamericano

La sinfonia dell'amore e del dolore