Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Un Bach franco-elvetico

Fra il primo e il secondo libro del Clavicembalo ben temperato di Johann Sebastian Bach trascorrono ben 20 anni. Quasi una generazione. La seconda parte di questa Bibbia della musica di ogni tempo apparve nel 1742 a Lipsia, otto anni prima della morte del compositore. Gli scenari geopolitici erano mutati non di poco: si era nel pieno della Guerra di successione austriaca, che sarebbe terminata nel 1748 con la Pace di Aquisgrana celebrata da Georg Friedrich Haendel con le indimenticabili Musiche "for the royal fireworks". Ma qui, al clavicembalo di Bach, è tutta un'altra storia. E noi ce lo ascoltiamo di nuovo in compagnia di Schiff.

Fra le nuove interpretazioni di questa monumentale opera bachiana, segnaliamo la registrazione del giovane specialista franco-svizzero Cédric Pescia recentemente uscita per "La dolce volta".






Ultimi post

Ripartiamo da Bach

Keilberth e Telefunken, un diamante di tesori

Lunga vita a Franz Joseph!

Tre ottimi ascolti

E Gergiev si scoprì bruckneriano

Cleveland Orchestra, 100 di questi anni!

C'era una volta l'America...

Schumann, il suicidio mancato di un bipolare

"Pax" domestica

Gustav Mahler, nel giorno della morte