Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

La conquista della "forma"

Nell'Europa del Congresso di Vienna tirava un'aria mai respirata prima, che la musica rende alla perfezione, forse meglio di qualsiasi altra arte. Un'aria di liberazione che faceva a pugni con il desiderio anacronistico di riportare le forme a com'erano prima dello tsunami napoleonico. I popoli non stavano più irrigiditi entro confini arbitrari, sotto dominazioni straniere non riconosciute. C'era fame e sete di autogoverno, di autodeterminazione, c'era la voglia di farcela da soli. Sorgeva un'epoca nuova. La lettura forse più celebre e riuscita della Terza sinfonia di Franz Schubert, scritta nel 1815, l'ha lasciata l'immenso Carlos Kleiber, alla guida dei Wiener Philharmoniker, la principale orchestra della città che in quei mesi ospitava i signori d'Europa. La lettura kleiberiana, fresca ed energica senza tradire il dramma di un'epoca di laceranti fratture, libera le tensioni e sembra portarci nel cielo azzurro sopra il Danubio. Risale al …

Ultimi post

Un kapellmeister tutto speciale

Addio alla vita

Il Rach che amiamo

Bruckner is heaven, un confronto sulle strade del cielo

L'anima profonda di Bach

Is Andris Nelsons a great brucknerian? Or not?

C'era una volta una principessa...

Un valzer con Lenny

Con la Spagna nel cuore

La morte è un'isola